Giornata di Studio PIACI

'Prendersi cura di chi si prende cura'

Firenze, 4 aprile 2019

Programma

10.00-10.30 Saluti e introduzione
Marco Trabucchi, Presidente AIP
Cristina Braida, Presidente PIACI

10.30-11.15 Dal sovraccarico alla presa in carico condivisa
Miriam Totis, Fondazione Nazionale Assistenti Sociali e Resp. Servizi Sociali Carnia

11.30-12.15 Pratiche generative per prendersi cura di chi si prende cura
Elisabetta Neve, Università di Verona e Fondazione E. Zancan

12.15-13.00 Domande e risposte

13.00-14.00 Pausa

14.00-16.00 Presentazione dei paper selezionati, analisi di esperienze e discussione
Coordina: Patrizia Lonardi, Associazione PIACI

16.00-16.30 Sintesi dei risultati della giornata di studio e conclusioni
Cristina Braida, presidente Associazione PIACI

Motivazioni e finalità
Sempre più la presa in carico di persone con problemi di limitata autosufficienza impegna gli assistenti sociali sul fronte del sostegno ai caregiver.
La domanda di aiuto formulata dal familiare che affronta l’improvvisa perdita di autonomia di un congiunto o con la progressiva cronicizzazione di una condizione invalidante, chiede all’operatore di adoperarsi con professionalità in una delicata funzione di ascolto. accoglienza dell’esperienza vissuta e orientamento.
I bisogni espressi dalle famiglie raccontano con insistenza lo smarrimento vissuto nella “filiera dell’aiuto” perché frammentata, discontinua, incapace di farsi carico della sofferenza. Gli aiuti spesso si riducono a offerta prestazionale senza “elaborare” la richiesta di aiuto, adattando la formulazione del bisogno a ciò che il sistema dell’offerta è in grado di proporre. Non è “Liberi di scegliere”, ma vita da caregiver, soli nella gestione della complessità che inevitabilmente la non autosufficienza porta con sé. Il servizio sociale professionale è chiamato a promuovere l’autodeterminazione della persona e le sue potenzialità per accompagnare quanti sono impegnati nel “prendersi cura” di un proprio congiunto, verso percorsi assistenziali capaci di “restituire” una visione globale della persona, valorizzando tutte le dimensioni che concorrono al suo benessere. È accompagnamento che interpella professionisti e familiari nel valorizzare tutti gli strumenti messi a disposizione dall’ordinamento giuridico, come ad esempio l’amministratore di sostegno e altre facilitazioni nazionali e regionali da conoscere e approfondire.

Organizzazione
Il corso metterà in luce alcune delle più significative esperienze di servizio sociale sul tema e consentirà il confronto tra professionisti ed esperti su prassi consolidate e percorsi innovativi.
È introdotto da relazioni di esperti per poi valorizzare il confronto di esperienze selezionate con una Call For Papers. Nella fase di selezione, la FNAS - Fondazione Nazionale Assistenti Sociali attribuirà un premio di 1.000 euro, di cui 500 euro assegnati al miglior contributo e 500 euro ripartiti agli altri primi contributi selezionati. Un ulteriore riconoscimento sarà dato dall’Associazione Piaci con la successiva pubblicazione dei contributi selezionati.

Note
L’Associazione Scientifica per l'Invecchiamento attivo e le cure integrate “Piaci” è stata costituita nel 2010 da Ordine degli assistenti sociali – Consiglio Nazionale, Gruppo di ricerca geriatrica Grg e Fondazione Emanuela Zancan onlus per “promuovere attenzione globale ai bisogni e diritti della persona anziana, valorizzando le sue capacità e potenzialità, favorire la collaborazione tra culture professionali sociali, sanitarie, educative, ambientali a servizio delle persone anziane, sviluppare la ricerca di nuove soluzioni per migliorare il lavoro di cura, la valutazione di efficacia, gli approcci interdisciplinari”.

La giornata di studio PIACI è realizzata nell’ambito del 19° Congresso Nazionale AIP – Associazione Italiana di Psicogeriatria “PSICOGERIATRIA DI PERSONE E DI SAPERI” che si svolge a Firenze dal 4 al 6 aprile 2019.
Per informazioni sul programma, i contenuti della giornata e l’invio dei paper, fare riferimento a: Associazione Piaci, Via del Seminario 5/A Padova, Tel. 049663800, piaci@fondazionezancan.it